Italy by Italy - Vera Ospitalità Italiana
RICERCA LOCALITA'
RICERCA STRUTTURA
Seleziona Regione
Seleziona la tipologia
Cerca
news
Menu Principale

Strutture

Servizi

Prenotazione vacanze Sicilia


Regione Sicilia Crotone Catanzaro Reggio Calabria Vibo Valentia Cosenza Caserta Benevento Avellino Salerno Napoli Matera Potenza Piacenza Parma Modena Ferrara Ravenna Bologna Reggio Emilia Forlì Cesena Rimini Udine Gorizia Trieste Pordenone Viterbo Rieti Frosinone Latina Roma Genova Savona La Spezia Imperia Sondrio Lecco Bergamo Brescia Mantova Cremona Lodi Pavia Milano Varese Como Pesaro Ancona Urbino Macerata Ascoli Piceno Isernia Campobasso Biella Torino Verbania Novara Vercelli Alessandria Asti Cuneo Foggia Bari Brindisi Lecce Taranto Olbia Tempio Nuoro Ogliastra Cagliari Carbonia - Iglesias Oristano Sassari Medio Campidano Caltanissetta Palermo Trapani Messina Catania Ragusa Siracusa Enna Agrigento Pistoia Prato Firenze Massa Lucca Pisa Livorno Arezzo Siena Grosseto Bolzano Trento Perugia Terni Aosta Belluno Treviso Venezia Padova Rovigo Verona Vicenza Teramo Pescara Chieti L Aquila
Italybyitaly Ragusa
Italybyitaly Catania
Italybyitaly Palermo
Italybyitaly Messina
Italybyitaly Agrigento
Italybyitaly Trapani
Italybyitaly Caltanissetta
Italybyitaly Siracusa
Italybyitaly Enna

‹‹ torna indietro

Sei in Sicilia



Notizie utili

La Sicilia, oltre ad essere la regione più meridionale, è anche al primo posto come superficie ed è la più grande isola del Mediterraneo, è bagnata da tre mari: lo Ionio ad est, il Tirreno a nord ed il Mar di Sicilia a sud. Il territorio è in gran parte collinare (61%), montuoso al 25% e pianeggiante al 14%.
Il Monte Etna (3323 metri), vulcano molto attivo, domina la parte nord-orientale dell'isola ed è di gran lunga il punto siciliano più elevato.
Appartengono al territorio regionale alcuni arcipelaghi ed isole: le Eolie, le Egadi, le Pelagie, Pantelleria ed Ustica. I fiumi hanno regime torrentizio, i più lunghi sono il Salso ed il Simeto.

Crocevia del mediterraneo, situata tra l’Europa e l’Africa, la Sicilia ha assistito al fiorire di molte civiltà del mondo antico. I vari conquistatori hanno lasciato di volta in volta su questa terra un ricco retaggio culturale, che con il passare dei secoli ha dato vita ad un'integrante miscela di lingue, di abitudini, di tradizioni culinarie, artistiche e architettoniche.
Abitata fin dall’età dei metalli dalla civiltà micenea, nel III millennio a. C. la Sicilia viene occupata dai Sicani, e dal IX secolo a. C. dai Fenici.
Nel 735 a. C. attirati dalle bellezze naturali dell'isola, anche i Greci si stabilirono qui, fondando delle colonie. I mercanti venuti dall' Eubea, fissarono le loro dimore a Nasso, alle falde dell'Etna, a Lentini, e a Catania. Da quel momento la Sicilia cominciò a chiamarsi “Trinacria”, ovvero “tre punte”.

Nel III secolo a. C. la civiltà greca venne in contatto con quella romana, di fronte alla quale capitolò alla fine delle terza guerra punica, solo dopo duri combattimenti e una forte resistenza.
Dal V secolo cominciò la dominazione bizantina, che sottopose l'isola a un regime di dittatura militare, che provocò numerose rivolte. Queste portarono a richiedere l'aiuto degli Arabi, che ne approfittarono ,per conquistare nel 902 l'isola. Gli arabi preservarono la Sicilia da una nuova offensiva bizantina, ne moltiplicarono le risorse economiche e soprattutto promossero molte attività artistiche e intellettuali.
Nel 1061 si compì la conquista normanna. La resistenza araba durò trenta anni e fu tenace, ma inutile, e gli svevi regnarono fino al 1250, quando Federico II, portò il regno all'apogeo della potenza e dello splendore.
Seguirono gli Aragonesi, con i quali si accentuò il regime feudale.
Una rinascita culturale ed economica avvenne solo con Alfonso I d'Aragona, che nel 1442, riunì sotto un'unica corona tutto il Mezzogiorno. Alla sua morte la Sicilia si ritrovò nelle mani della monarchia spagnola, che regnò oltre due secoli.
Nel 1713, l'isola fu prima assegnata ai vincitori della guerra di Successione spagnola, poi a Vittorio Amedeo II di Savoia, e poi tornò spagnola già nel 1718. Sotto Carlo di Borbone la Sicilia tornò a essere sostanzialmente una dipendenza spagnola, ma nel 1848 i siciliani cacciarono i regnanti donando la reggenza al governo rivoluzionario. Così l'isola entrò nel regno d'Italia animata da fervide speranze di rinnovamento.

Oggi la Sicilia conta su un’industria di tipo estrattivo, grazie ai moltissimi giacimenti minerali, sulla produzione del sale, sui giacimenti di petrolio e sugli stabilimenti chimici e le industrie alimentari.
Da qualche tempo la regione sta rivalutando le bellezze che possiede, cercando di sviluppare l’economia turistica, che sta diventando la principale fonte di guadagno.
La Sicilia propone infatti i più contrastanti e piacevoli aspetti paesaggistici. Dalle distese di campi di grano ai giardini lussureggianti, dalle pareti del vulcano con deprimenti paesi isolati, alle grandi città urbane.
Tantissime le zone archeologiche, dalla Valle dei Templi di Agrigento, uno dei più impressionanti complessi di edifici greci al di fuori della Grecia, ai templi di Selinunte, dal tempio di Segesta vicino Trapani, al teatro greco di Taormina, fino alla villa romana del Casale di Piazza Armerina.
Nel capoluogo, Palermo, importanti edifici da vedere sono: il Palazzo Reale detto anche “dei normanni”, con la splendida cappella palatina di Ruggero II, il Duomo, la Martorana, l'oratorio di Santa Zita, Palazzo Abatellis con la Galleria Regionale di Sicilia, e il Parco della Favorita.

Vacanze Sicilia, scegli il tuo soggiorno ideale:

Elenco Regioni


 
Copyright © 2006 | www.italybyitaly.it - Vera Ospitalita' Italiana - Turinvest Srl - P. Iva nr. 01368641007 - C. F. 05179980585
| Mappa